BORZONASCA

 

Sant’Andrea di Borzone

           

 
LOCALIZZAZIONE

   

           

Autostrada              Genova- Livorno, casello Chiavari

 

Ferrovia                   Genova- La Spezia, stazione Chiavari

 

SS.225                    direz. Carasco - SS.586 direz. Borzonasca

                                 Borzonasca, bivio a destra  a 3 Km. Borzone      

 

 

1

 

 

 

        

 

 

 


SCHEDA  DI  CATALOGAZIONE

 

DATAZIONE

 Fondazione                                                      712 d.C.              

 

PROSPETTI

Facciata                                                            a capanna

 

Elementi architettonici                                     arcatelle cieche in mattoni

e decorativi caratterizzanti                              mattoni a  dente di sega

 

PIANTA

 

 Borzonasca, Abazia di S. Andrea di Borzone

                                                                                                             

 

Orientamento: ingresso-abside                      ovest-est

 

Tipologia                                                           architettura religiosa      

 

Schema                                                             pianta longitudinale

 

Ingressi : In facciata                                          portale ovest

                 Laterali                                              portale sud verso il chiostro

 

Navate                                                               una

 

Campate                                                           tre 

 

Abside                                                               semicircolare esterna con catino unghiato    

 

Altari                                                                   uno maggiore + tre laterali

 

Campanile                                                         zona absidale lato destro (sud)

 

 

SISTEMA DI COPERTURA

Copertura navata centrale                               volta a botte unghiata

                       

ARTISTI – OPERE

 

Braccesco Carlo (attribuito a)                         Polittico di S.Andrea

         o                                                                trasferito al Museo Diocesano di Chiavari

da Barbagelata Giovanni

 

autore ignoto                                                     Madonna col Bambino, statua in marmo, XVII sec. 

 

DESTINAZIONE

Originaria                                                          Abazia e Monastero

Attuale                                                                Chiesa abaziale 

                                                                            Monumento nazionale   

 

 

CENNI  STORICI

 

Il territorio di Borzone in valle Sturla, costituito da diversi agglomerati rurali, è frazione dell’esteso comune di Borzonasca, da cui dista circa 1 Km: in questo luogo solitario e suggestivo, a 355 m s.l.m. sorge l’Abbazia di Sant’Andrea, le cui origini sono ancora oggi incerte. Tra il 712 e il 744, il re Liutprando fece costruire una chiesa con monastero e relativa residenza regia al posto della ormai decadente fortezza eretta dai Bizantini nel VI sec. Come attesta un documento del 972, in epoca longobarda, il complesso venne affidato ai monaci di San Colombano di Bobbio, che detennero il potere sulla valle Sturla fin verso l’anno mille. Nel sec. XII il monastero passò alla giurisdizione dell’abate di san Pietro in Ciel d’oro di Pavia, fino a che nel 1128 fu affidato al Vescovo di Genova. Nel 1145 Borzone diventò proprietà dei conti Fieschi e proprio col loro aiuto, nel 1184, l’arcivescovo di Genova Ugone della Volta elevò il monastero al rango di Abbazia e, per garantirne il rinnovamento, l’affidò all’abate Antelmo della casa di Dio, appartenente all’ordine monastico dei Benedettini di Marsiglia, che vi rimasero fino al 1535. Nel 1185 l’Abbazia divenne Commenda parrocchiale e tale rimase fino al 1847; a partire da questa data, per 43 anni, la Chiesa restò sprovvista di un titolare fino a quando la Santa Sede nominò Pietro Repetto in qualità di abate-parroco. Nel 1910 fu dichiarata monumento nazionale.

Nella sua lunga storia, il complesso monumentale fu ripetutamente trasformato: esso comprende, oltre alla chiesa e alla torre, una casa canonica, una casa colonica, una sacrestia, trasformata in casa del curato e infine in scuola, e un chiostro-giardino. La torre a bugnato degli inizi del Duecento venne completata nel 1310 con la cella campanaria. Risalgono al sec. XVI/XVII la canonica, la sacrestia e il chiostro, mentre la foresteria fu costruita nell’800. L’ultima trasformazione è avvenuta con i restauri degli anni ’50 e ’60 ad opera degli architetti E. Mazzino e G.V. Dillon.

 

 

 

 

 

 

 


DESCRIZIONE ARTISTICA

 

L'abbazia di Borzone è un complesso architettonico monumentale costituito da cinque corpi il cui fulcro principale è rappresentato dalla chiesa e dalla torre. Tutto il complesso è articolato su una superficie trapezoidale la cui parte centrale è occupata da otto pilastri ottagonali che testimoniano l'esistenza di un precedente chiostro divenuto poi un semplice giardino.

 

Borzonasca, Abazia di S. Andrea di Borzone, veduta absidale

 

La chiesa attuale è il risultato di più di un millennio di trasformazioni evidenziate da un recente studio architettonico del monumento.

I muri perimetrali in pietra e mattoni, fino all'altezza di otto metri dalla quota del sagrato, risalgono, eccetto le parti restaurate di recente, LLllllljdshbg alla prima metà dell'VIII secolo; la sopraelevazione ed il coro sono l'esito di interventi avvenuti tra il XVIII ed il XIX secolo.

I materiali utilizzati sono la pietra, ricavata dalle cave della vallata, ed il laterizio, che creano un voluto effetto decorativo e particolare è l'uso del cotto, non comune nella tradizione dell’edilizia ligure.

All'esterno la facciata presenta due pilastri d’angolo in conci di arenaria che limitano uno spazio quadrangolare tripartito da un doppio ordine di arcatelle cieche in mattoni rossi, a destra e a sinistra, e da un settore centrale occupato dal portale d’ingresso in pietra, sovrastato da un arco leggermente a sesto acuto.

 

Borzonasca, Abazia di S. Andrea di Borzone, particolare del portale di ingresso

 

 L'ordine inferiore e quello superiore sono separati da tre file di mattoni disposti a dente di sega e stuccati con malta bianca.  I tre settori sono sormontati da un timpano triangolare, sotto il quale si apre un finestrone semicircolare.

 

Borzonasca, Abazia di S. Andrea di Borzone, facciata, particolare delle  file di mattoni disposti a dente di sega

 

Le due antiche fiancate superstiti della chiesa sono fra loro parallele, ma non perpendicolari al piano della facciata, la quale, però, è perfettamente parallela al prolungamento della parete est della torre.

Il fianco settentrionale riprende il motivo della facciata con i due ordini di arcatelle che si estendono in lunghezza, senza soluzione di continuità, lungo tutto il prospetto. Nonostante la ripresa dello schema compositivo, questa parete, l’unica ad essere priva di qualsiasi apertura, differisce dalla facciata per le diverse dimensioni degli elementi che la compongono: le arcatelle hanno altezza e larghezza inferiori rispetto a quelle di facciata e sono collocate ad una quota più alta perché esiste un sensibile dislivello del terreno fra la facciata settentrionale e quella meridionale.

Per questo motivo, il prospetto meridionale s'innesta ad una quota inferiore rispetto al pavimento della chiesa: ne deriva una differente altezza delle arcatelle cieche rispetto a quelle della facciata. Caratteristica di questa fiancata è la presenza di un portale, che permette l'accesso alla chiesa all'altezza del presbiterio.

La torre, a bugnato, iniziata nel Duecento e completata nel 1310, si trova sul lato destro dell’abside. E' a pianta quasi quadrata e presenta una muratura spessa circa un metro; la parte esterna è per due terzi in pietra a bugnato e nella parte superiore troviamo una fila di arcatelle cieche sormontate da due archi ciechi che, nei prospetti est ed ovest, rinserrano una trifora che dà sulla cella campanaria. Nel prospetto est della torre, a poco più di 3 metri di altezza, è murata una lapide in marmo lunense con l’iscrizione:

MCCXLIIII ABBAS. GERARDUS. DE CUCURNO. NATUS. FECIT. FIERI. HAS. ECCLESIA. ET TURREM.

 

Borzonasca, Abazia di S. Andrea di Borzone torre, lapide con iscrizione, 1244

 

La collocazione  della lapide non è contemporanea alla muratura. Il contenuto dell’epigrafe, secondo D. Citi, va interpretato come veritiero nel senso che la torre sarebbe stata costruita nel 1244 al posto del più basso “diaconicon”, mentre la chiesa, certamente già esistente, sarebbe stata nel 1244 oggetto di interventi di trasformazione e restauro, appunto durante il governo di Gerardo.

La chiesa, costruita sul prolungamento della torre, ha la pianta costituita da un rettangolo formato da due quadrati uguali. Alla navata si accede sia dal prospetto principale rivolto ad ovest che dal fronte meridionale situato in prossimità della torre. Nell'intercapedine formata dal muro nord della torre e quello del presbiterio, una scala in legno (rifatta nel 1894 come tutte le altre che conducono alla cella campanaria), sale al piano superiore.

La navata è unica e il pavimento è ribassato di due gradini rispetto a quello del presbiterio.  Internamente troviamo gli stessi motivi architettonici già visti all'esterno: archetti ciechi e mattoni disposti orizzontalmente a dente di sega.

 

Borzonasca, Abazia di S. Andrea di Borzone, interno

 

La disposizione degli altari è la seguente:

  1. nella seconda campata, l’altare a destra eretto nel 1644 dall’abate Gaspare Gazzolo e dedicato a “Maria Madre di Dio”, detto “altare della Madonna del Rosario” dopo il 1680. Il tabernacolo, che non è l’originario, risale al 1898. La seicentesca Madonna col Bambino  in marmo, che si trovava nella nicchia sopra l’altare, è stata spostata sulla mensa dell’altare del SS. Crocifisso (a  sinistra).
  2. l’altare maggiore risale alla prima metà del XVIII secolo (abate Giacomo Devoto, 1706-40).

 

Borzonasca, Abazia di S. Andrea di Borzone, altare maggiore, I metà XVIII sec.

 

 

  1. nella terza campata, secondo altare a sinistra, dedicato a S. Anna, contitolare della chiesa insieme a S. Andrea: risale al 1755 ed è l’unico lasciato integro dai restauratori della Sovrintendenza.

 

Borzonasca, Abazia di S. Andrea di Borzone, II altare sinistro, 1755

 

  1. nella seconda campata, primo altare a sinistra, dedicato al SS. Crocifisso. Costruito nel 1683, non ne rimane che la mensa e la predella. Sulla mensa è appoggiata la Madonna col Bambino (v. punto 1.)

 

Borzonasca, Abazia di S.Andrea di Borzone, I altare  sinistro, Madonna col Bambino, XVII sec.

 

 

 

Polittico di S. Andrea

L’opera di maggior pregio che era conservata all’interno della chiesa è il polittico di Sant’Andrea,una delle poche opere rimaste dell’antica Abbazia. Il polittico, attribuito a Giovanni da Barbagelata o a Carlo Braccesco, si trova attualmente (2003) al Museo Diocesano di Chiavari.

 

Borzonasca, Abazia di S.Andrea di Borzone, Giovanni da Barbagelata o Carlo Braccesco,  Polittico di S.Andrea, 1484

 

E’ una tavola di mt.2,20 per mt.2,80 divisa in dieci riquadri dipinti direttamente su legno.

Orizzontalmente una cornice divide la fascia inferiore da quella superiore, mentre verticalmente il riquadro centrale risulta più largo dei laterali. Nello scomparto superiore centrale è dipinto il SS. Crocifisso tra la Vergine e l’apostolo San Giovanni; a destra di chi osserva,  San Bernardo Abate e Santa Apollonia; a sinistra Sant’Eufemiano e Sant’Antonio. Nella parte inferiore,  al centro, Sant’Andrea, titolare della chiesa, di dimensioni maggiori rispetto a san Pietro e San Sebastiano a destra, e San Lorenzo e Santa Caterina a sinistra.

Non ci sono notizie certe riguardo all’autore tardo-gotico, identificato come ignoto di scuola genovese con influssi lombardi.  Gian Vittorio Castelnuovi lo attribuisce a mani diverse per le diversità riscontrabili al suo interno: la tavola centrale è datata 1484. Altri studiosi spostano la data della composizione alla fine del secolo (1499) e fanno il nome di Giovanni da Barbagelata che in quegli anni era nel pieno della sua attività e dipingeva un trittico per la chiesa di San Giovanni di Candiasco a Casarza Ligure. Il polittico è stato attribuito anche a Carlo Braccesco, anche se M. Natale propone la distinzione tra il Braccesco e un altro Maestro la cui opera più antica sarebbe proprio lo scomparto centrale del polittico di S. Andrea di Borzone datato 1484.

 

 

BIBLIOGRAFIA

 

-          Brizzolara Giovanni, Storia dell’Abbazia parrocchiale e plebana di S. Andrea di Borzone nella valle di Sturla presso Chiavari, S. Pier d’Arena, 1891.

-          Brusco Celestino, L’Abbazia di Borzone in val di Sturla,  Rapallo, 1968

-          Citi Duilio,  Guida all’Abbazia di Borzone,  1994

-          Dillon G.V., L’Abbazia di S. Andrea di Borzone. Architettura e società in Liguria nell’alto medioevo, in “Miscellanea di Storia ligure in memoria di Giorgio Falco”, Genova, 1966.

-          Parma Elena (a cura di), La pittura in Liguria. Il Cinquecento, Ed. Microart’s, Recco , 1999.

-          Remondini A. e M., Borzone S. Andrea, in Parrocchie dell’archidiocesi di Genova. Notizie storico- ecclesiastiche. Regione ottava: valli di Garibaldo e di Sturla, Genova, 1889.

-          Stringa Paolo, L’Abbazia di S. Andrea di Borzone, in “La Casana”, anno XX, n. 1 (1978).