MONEGLIA
 

San Giorgio

           

 
LOCALIZZAZIONE

   

           

Autostrada              Genova-Livorno, casello Sestri Levante

                                

Ferrovia                   Genova-La Spezia, stazione Sestri Levante o Moneglia

                                

SS 370                    direz. Moneglia

 

Centro città             via fratelli Botto

 

 

 

 

17

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SCHEDA  DI  CATALOGAZIONE

 

DATAZIONE

 Fondazione                                                      1396  d.C.                       

 

PROSPETTI

Facciata                                                            a salienti

 

Elementi architettonici                                     antico rilievo marmoreo in facciata

e decorativi caratterizzanti.                                               

 

PIANTA

 

Moneglia, S.Giorgio

 

 

Orientamento: ingresso-abside                      ovest-est

 

Tipologia                                                           architettura religiosa

 

Schema                                                             pianta longitudinale

 

Ingressi : In facciata                                          un portale ovest

                 Laterali                                              un portale sud

 

Navate                                                               tre

 

Campate                                                           quattro laterali

 

Abside                                                               semicircolare

 

Altari                                                                   uno maggiore + otto laterali

 

Campanile                                                         zona absidale lato destro

 

 

SISTEMA DI COPERTURA

Copertura navata centrale                               volta lunettata

                   navate laterali                                 volta a crociera

 

 

ARTISTI – OPERE

Galleano Pietro                                                 S. Giorgio che uccide il drago, gruppo ligneo policromo, I metà XVIII sec.

Carlone Giovanni Battista                               S. Francesco Saverio, XVII sec.

 

Guidobono Bartolomeo                                   Circoncisione di Gesù, tela, 1699      

 

Rubens Peter  Paul (attribuito a)                    S. Giorgio che uccide il drago

 

da Barbagelata Giovanni                                S. Ludovico in trono e Santi, trittico, inizio XVI sec.

Cambiaso Luca                                                Adorazione dei Magi, tela, op. giovanile

da Pisa Giovanni                                              S. Lorenzo e Santi francescani, trittico, XV sec.

Dolci Carlo                                                        Madonna con S. Pietro, S. Erasmo e anime purganti, XVII sec.

 

DESTINAZIONE

Originaria                                                          chiesa benedettina (XIV sec.)

                                                                            chiesa del convento francescano (dal 1484 al 1866)

 

Attuale                                                                Chiesa parrocchiale      

 

 

 

 

 

CENNI  STORICI

 

   La chiesa di S. Giorgio si trova all’estremità ovest di Moneglia, sotto il castello di Monleone. La chiesa, a tre navate, costruita nel 1396 a seguito di un lascito testamentario, fu affidata fino all’inizio del 1484 ai monaci Benedettini (giunti a Moneglia nel secolo XIV).

   Il 9 gennaio 1484 ai monaci Benedettini subentrarono i Frati Minori Francescani, che costruirono l’annesso convento con il chiostro molto apprezzato da Agostino Giustiniani ( a destra, entrando, si trova un bassorilievo marmoreo del 1455 e di fronte una campana di bronzo del 1374).

   All’inizio del XVIII secolo la chiesa subì una parziale trasformazione. Dopo la soppressione degli Ordini religiosi, divenne Parrocchiale nella prima metà del ‘900.

 

 

 

 


DESCRIZIONE ARTISTICA

 

 

 

 

  La chiesa presenta una semplice facciata a salienti, divisa in tre parti da due lesene. Il portale d’ingresso è sovrastato da una lunetta archiacuta e al posto del rosone circolare troviamo un’apertura quadrangolare. Va menzionato, all’interno della lunetta, un antico rilievo marmoreo con S.Giorgio e il drago.

 

Moneglia, S. Giorgio, facciata

 

 

Moneglia, S.Giorgio, particolare del rilievo marmoreo in facciata con S.Giorgio e il drago

 

   Sulla parte posteriore destra dell’edificio si innalza una torre campanaria quadrangolare, con trifore nell’ultimo ordine e una decorazione caratterizzata, come il resto del complesso, dalla bicromia dei materiali da costruzione.

 

Moneglia, S.Giorgio, torre campanaria

 

   L’interno è a tre navate.

 

Moneglia, S.Giorgio, interno

 

 La visita si compie con attenzione soprattutto alla navata di sinistra, che conserva opere di maggior pregio:

-          sul primo altare a sinistra S. Giorgio che uccide il drago, notevole gruppo ligneo policromo di Pietro Galleano (1681-1761)

 

Moneglia, S.Giorgio, I altare sin., Pietro Galleano, S. Giorgio che uccide il drago, gruppo ligneo, XVIII sec.

 

-          al secondo altare S. Francesco Saverio, opera attribuita a Giovanni Battista Carlone

 

Moneglia, S.Giorgio, II altare sin., Giovanni Battista Carlone (attribuito a), S. Francesco Saverio, XVII sec.

 

-          al terzo altare una pregevole tela raffigurante la Circoncisione di Gesù (1699), attribuita per lungo tempo a Domenico Piola, fu poi riconosciuta come di Bartolomeo Guidobono (1654-1709).

 

Moneglia, S.Giorgio, III altare sin., Bartolomeo  Guidobono, Circoncisione di Gesù, tela, 1699

 

-          Nella cappella  a sinistra, nel presbiterio, troviamo un Crocifisso ligneo, del secolo XVII.

Sempre nel presbiterio è possibile notare:

-          sulla volta un S. Giorgio che uccide il drago, che un’attribuzione dubbia e non documentata assegna a Peter Paul Rubens.

 

Moneglia, S.Giorgio, volta del presbiterio, S. Giorgio che uccide il drago, affresco, XVII sec.

 

-          a sinistra S. Ludovico in trono e Santi, trittico di Giovanni da Barbagelata, fu eseguito agli inizi del Cinquecento, su commissione della comunità francescana. Si tratta di una tavola a fondo oro a tre ordini sovrapposti, raffiguranti, nella parte mediana, S. Ludovico in abiti vescovili con ai lati i Santi: Antonio Abate, Ambrogio, Stefano e Nicola. Nel registro superiore, la Crocifissione tra i busti dei Santi Giovanni Battista, Francesco, Pietro da Siena e Rocco. Inferiormente la predella accoglie il Redentore e gli Apostoli.

 

Moneglia, S.Giorgio, Giovanni da Barbagelata, S. Ludovico in trono e Santi, trittico su tavola, inizio XVI sec.

 

-          sempre a sinistra, l’Adorazione dei Magi, magnifica tela ritenuta opera giovanile di Luca Cambiaso;

 

Moneglia, S.Giorgio, Luca Cambiaso (attribuito a ), Adorazione dei Magi, tela, XVI sec.

 

-          alla parete destra del presbiterio, S. Lorenzo e Santi francescani, trittico con cornice goticheggiante, dipinto probabilmente da Giovanni da Pisa (pittore attivo a Genova tra il 1401 e il 1423). In origine era conservato nell’antica chiesa parrocchiale di S. Lorenzo, sulla collina. Raffigura, nel pannello centrale, S. Lorenzo con i suoi attributi iconografici, la graticola e la palma del martirio; ai suoi lati i Santi Chiara, Paolo, Francesco e Leonardo. In alto, nella cimasa, il Battesimo di Cristo.

 

Moneglia, S.Giorgio, Giovanni da Pisa (attribuito a), S. Lorenzo e Santi francescani, trittico su tavola, XV sec.

 

Sia il polittico del Barbagelata, sia quello attribuito a Giovanni da Pisa sono stati restaurati recentemente a cura della Sovrintendenza della Liguria.

-          Dietro l’altare maggiore è collocato un tabernacolo quattrocentesco; l’altare (secolo XVII) sostiene un tempietto-custodia eucaristica, con piccole statue del toscano Pietro Cioriani (1643).

-          Nella cappella a destra della maggiore, una Madonna con S. Pietro, S. Erasmo e anime purganti di Carlo Dolci (secolo XVII).

 

 

Moneglia, S.Giorgio, Carlo Dolci, Madonna con S. Pietro, S. Erasmo e anime purganti, XVII sec.

 

 

 

BIBLIOGRAFIA

 

 

-          AA.VV., Guida d’ Italia, Liguria, Touring Club Italiano, Milano, 1982.

-          AA.VV., Itinerari della fede. Giubileo dell’anno 2000, Chiavari, 2000.

-          Centi Angelo, Cenni storici di Moneglia, in Archivio Parrocchiale di Moneglia – S.Croce.

-          Falzone Patrizia, Liguria. Territorio e civiltà. Valli di Sestri Levante, Saggi Editori, Genova, 1977.

-          Ferretto Arturo, I primordi e lo sviluppo del Cristianesimo in Liguria e in particolare a Genova, in “Atti della Società ligure di Storia Patria”, vol. XXXIX.

-          Ferretto Arturo, Il distretto di Chiavari preromano – romano –medievale, Chiavari, 1928.

-          Remondini Angelo e Marcello, Parrocchie dell’ Archidiocesi di Genova, Regione VI, Genova, 1888.

-          Tomaini Placido, Moneglia: Notizie storiche, Centro editoriale idea, Roma, 1980.